Informativa
Questo sito può utilizzare cookie di profilazione di terze parti per inviarti messaggi pubblicitari mirati e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di piu` o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Sanofi
Stampa | Share

Fototipo

Definizione

 

Il fototipo di una persona è costituito dalla qualità e dalla quantità di melanina presente in condizioni basali nella sua pelle. Determina il colore della carnagione e rappresenta il primo livello di protezione naturale.
 
Conoscere il proprio fototipo è il punto di partenza fondamentale per preservare la salute della pelle e comportarsi correttamente durante l’esposizione al sole, in modo da evitare di incorrere in eritemi e scottature.
 
In dermatologia si distinguono 6 fototipi, ma da un punto di vista pratico alcuni tipi possono essere assimilabili tra loro, per cui di fatto è sufficiente considerare i seguenti 4 raggruppamenti: 
 
 

 

Fototipo I
Soggetti con pelle molto chiara, spesso con efelidi, capelli biondi o rossi, occhi chiari. Generalmente sviluppano un eritema evidente a ogni esposizione al sole se la pelle non è ben protetta. L’abbronzatura è molto tenue o inesistente. La reazione ai raggi solari è molto elevata, con alto rischio di danni gravi. Infatti la cute è dotata di una memoria e se si sono avuti eritemi severi, anche se si risolvono nel breve periodo possono dar luogo anche dopo 10-20 anni all’insorgenza di tumori cutanei.
 
Fototipo II
Soggetti con pelle chiara, capelli biondo scuro o castano chiaro.
Tendono a scottarsi facilmente. Sviluppano un’abbronzatura lieve (dorata).
 
Fototipo III
Soggetti con pelle abbastanza scura, capelli castani. Si scottano solo dopo esposizione prolungata. Sviluppano un’abbronzatura intensa e omogenea.
 
Fototipo IV
Soggetti con carnagione olivastra, occhi e capelli neri. Si scottano molto raramente. Sviluppano in breve tempo un’abbronzatura molto intensa, color cioccolato.